mercoledì 2 dicembre 2009

Le mani nei guanti.

Da tanto non mi scendevano sali minerali dagli occhi a causa dell'emozione data dal fatto che tu,
toccavi la mia pelle.
Di nuovo dopo tanto e ho percepito così forte per un attimo l'infinito che ti ho chiesto di fare un figlio e hai detto che dicevo che non avrei mai voluto un figlio e io ti ho detto con te si e mi hai leccato le lacrime sul viso, tutti i capelli bagnati, nella libreria c'eravamo solo noi e il resto era solo mondo, massa informe.
Ti ho detto che volevo un figlio e mi hai risposto che se domani dall'ecografia risulterà che sto per morire mi sposerai anche se ci farebbe malissimo sposarci ora, hai detto.

Mi hai tolto il guanto e mi hai preso la mano e io avrei voluto che fosse il mio ultimo ricordo prima di morire, e lo sapevi.

1 commento:

  1. mi hai fatto leggere parole
    che sembrano i miei desideri

    RispondiElimina