giovedì 7 gennaio 2010

Irrazionale.

Le ultime ore degli anni zero le ho passate dormendo, perche' un anno non conta come lo termini, ma come lo inizi, e sara' questo che raccontero' ai figli che non avro'.
Noi siamo gli adolescenti degli anni a doppio cerchio. Compiro' la maggiore eta' nell'anno dieci e di questo parlero' alla Ginevra che non nascera' mai.
Mi saranno cresciuti i capelli e li avro' accorciati di nuovo, come quella volta che al mio tentativo di convincerti che avevo acquistato stabilita' tu mi hai risposto che tra poco avrei desiderato tagliare i capelli. Erano lunghi, ricci.
Due settimane dopo mi sono fatta un caschetto stirato, cortissimo e di nuovo tu avevi sempre ragione e io non sono stabile e non lo saro' mai.
La natura ha avuto cura di distribuire in me una dose di irrazionalita' direttamente proporzionale alla mia pigrizia, in modo da non farmi esagerare nel compiere gesti assurdi, frenata dalla poca voglia di movimento.

Nessun commento:

Posta un commento