mercoledì 3 marzo 2010


Sai, D, le rose sfioriranno. Probabilmente senza essere mai fiorite. La neve ne brucerà i petali quando i boccioli ancora non si saranno schiusi.
Sai, D, le dita si sono disincrociate e le mani si sono allontanate, e i progetti sono andati ingiallendosi insieme alle agende su cui erano disegnati.
Sai, D, i capelli che erano finalmente cresciuti sono stati tagliati.

Nessun commento:

Posta un commento