mercoledì 21 aprile 2010

Assestare Noi, imparare ad esserlo.


Erano due occhi verdi di un verde di ricci appena caduti di castagne ancora chiuse, all'interno di foglie non ancora portate via dal vento di rami già per metà spogli. Come si fa a guardarli senza pungersi, come si fa se il riccio non è ancora aperto come si fa?
Era blu la pelle intorno agli occhi di un blu di notti bianche, di un blu di maglioni di lana bucati all'altezza dei gomiti di nove e trenta di sera di fine Giugno ma invece è ancora Aprile. Come si fa se sei sulla spiaggia e ancora il mare è freddo e ancora il mare è grigio, come si fa se ancora non è tempo eppure l'acqua sembra calma?
Erano nere le unghie, di colore per colorare mari di notte, in primavere in cui si portano ancora le pellicce, capelli rossi dopo le dieci di sera quando è saltato il contatore. Come si fa ad abituarsi alla luce senza socchiudere gli occhi come si fa ad abituarsi al sole se hai la pelle di neve?

1 commento: