lunedì 1 novembre 2010

Ieri sera ho: visto i La Quiete, preso un sacco di botte senza rendermene troppo conto ed essendo molto felice di prenderle, stretto una relazione con il Montenegro, perso e ritrovato il cellulare, chiarito due cose che mi stavano a cuore con due persone particolari, incontrato tutti quelli che conoscevo, parlato con gente che non vedevo da vite.

Stamattina avevo: lividi, un braccio e una gamba che non funzionavano, un "Alina" scritto a caratteri cubitali e con un pennarello indelebile sul braccio destro con una bellissima calligrafia, un'emicrania notevole, una bocca impastata, tanti gruppi new wave segnati nelle bozze del cellulare, soldi nel reggiseno, un ragazzo bellissimo nel letto che appena mi dice di si lo sposo.

5 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. eri tanto incline ai rapporti sociali domenica, abbiamo parlato di come ora l'indirizzo migliore all'artistico sia pittura.
    mi ha fatto piacere conoscerti.
    :)

    RispondiElimina
  4. Pensa che io questa cosa me la sto ricordando adesso e in ogni caso non ricordo cosa abbia detto al riguardo. Ahah. Piacere mio!

    RispondiElimina
  5. Ahahah, dicevi che è l'indirizzo più fico perchè ti da un buono slancio per l'accedemia delle arti. Credo. Onestamente non ho un ricordo molto lucido nemmeno io. Però la cosa mi è rimasta impressa.

    RispondiElimina