mercoledì 10 novembre 2010

Neve pulita.

Come gratti bene i nasi, come respiri bene i colli, le ciglia grattano via le guance, la fronte tra le scapole, c'è una parte del respiro in cui trovo il vuoto quando son con te, c'è una parte dell'universo in cui trovo la neve pulita quando sto sotto la tua maglietta, e ci lascio le impronte, c'è il sole che non ha il coraggio di entrar dall'abbaìno per venirci a svegliare.
Ho gli occhi di pane e la punta del tuo naso è un quadratino su cui si può dormir per giorni, le altre non l'avevano notato. E dici, Le altre non l'avevano notato e tu mi scopi più sinuosa.
Ci addormentiamo naso nella spina dorsale.

Nessun commento:

Posta un commento