mercoledì 10 novembre 2010

Un bambino di tre anni
No, ne ho tre e mezzo!
Un bambino di tre anni e mezzo,
per dirla alla Nori,
l'altro giorno, che eravamo con papà, alla vista di un motociclo ha esclamato: "Quella moto è bellissima. E' squisita di bellezza."
Sinestesia.
La percezione sinestesica.
Allora tutte quelle puttanate che dicevano i decadentisti son vere, cristo.
Anche quelle che diceva Jim Morrison, anche quelle che diceva Pascoli, e pure William Blake. E pure Huxley.
Dunque facciamoci di Peyote per tener vivo il nostro Fanciullino e per non lasciare che la ragione separi le percezioni e vediam se riusciamo a sentire quei profumi verdi come praterie, o dolci come il suono dell'oboe, o il fru fru delle stelle e poi Baudelaire e Rimbaud ci verranno a trovare in sogno. Al che a me piglierà abbastanza male, credo. E infatti io le poesie non le leggo, io son fan di Verga e, sebbene al fascino del bohemien sia alle volte impossibile resistere, io nel milleottocentocinquantasette mi sarei comprata Madame Bovary anzichè i Fiori del male.
Perchè il poeta è si un ribelle, ma è la realtà ciò che fa più paura.
E dunque cosa c'è di più sovversivo di un romanzo realista, un documento umano?

3 commenti:

  1. Che in fondo pure il realismo è intriso di poesia. Che si parli de La Lupa di Verga oppure La Scampagnata di Maupassant, son sempre delicati da far male.

    RispondiElimina
  2. La svolta dei fratelli de Goncourt con il documento umano volevo sottolineare io, Verga lo citavo solamente per far capire che si parlava di verismo e naturalismo.

    RispondiElimina
  3. Di certo son molto più interessanti, a livello teorico ma anche a livello letterario, degli altri movimenti letterari della prima parte del secolo, in particolare dei Romantici (specie di quelli francesi). L'imporsi della realtà dell'uomo ha disperso il pathos esasperato e artificioso dell'Hernani e di altre opere davvero poco affascinanti. E poi appunto, Maupassant è tanto bello che i suoi racconti li ho riletti troppe volte. Sembra quasi di guardare attraverso il buco della serratura di una macchina del tempo.

    RispondiElimina