mercoledì 23 febbraio 2011

Che cosa mi è successo:

Che cosa mi è successo:
La persona che amavo più della mia vita e più di chiunque altro avessi amato prima*, dopo una litigata riguardante una cosa stupida che però mi aveva fatto esasperare tanto da dirgli "Okay, ci lasciamo", ma solo per spaventarlo, ha pensato bene di cogliere la palla al balzo e dirmi finalmente quello che pensava da tempo: ovvero che non mi ama, che non mi ha mai amata neanche "sforzandosi" e non ce l'ha mai fatta con nessuna, che non riesce a vedermi come nient'altro che un'amica e che si, lasciarci è la cosa giusta da fare.
Appena gli avevo detto (dopo la litigata) che non volevo più stare con lui, però, mi aveva pregata di riprovarci, di stare ancora insieme; io ho fatto l'errore di non dire subito di si e fare pace e lui il giorno dopo aveva preso la sua decisione. Ovvero di non vedermi più.
Al che io vorrei sparire e non trovo nemmeno le mie medicine perché mentre stavo con lui non le usavo e adesso non so dove cazzo le ho messe.
Avrei potuto far durare tutto un po' di più.
Lui era perfetto, aveva degli amici perfetti, facevamo tutte cose belle, era bello, avrei voluto leggergli i libri, se solo mi avesse dedicato più tempo, si vedeva che non mi amava, ma lui ogni tanto me lo diceva, C'è da precisare che solo qualche volta l'ha detto per primo, mi ricordo tanto bene quella volta che siamo tornati dai Blank Dogs, i suoi "Ti amo" erano quasi sempre solo una risposta, ma queste cose non le volevo vedere, cioè, glielo dicevo, gli chiedevo ma non ti piaccio ma non mi ami ma non ti va di vedermi e lui diceva ma no cosa dici.
Poi le cose brutte tipo che non mi ama e che non vuole stare con me e che gli era capitato di venire da me senza nessuna voglia di vedermi eccetera me le ha dette al telefono. "Perché se ci vediamo dopo tu piangi e io torno con te e non va bene, poi tra poco ritorniamo al punto in cui siamo ora". Poi io ho rotto i coglioni per due giorni e alla fine è venuto a Forlì, abbiamo parlato per le scale di casa di Thias, a me era morto il cuore, lui mi ha detto le stesse cose senza avvicinarsi nemmeno, poi mi ha abbracciata dopo che io l'ho pregato per mezz'ora, poi gli ho guardato il petto dal collo della maglietta.
Poi non mi ha dato un bacio.
Io gli ho detto che lo amavo tantissimo. Veramente glielo dico tutti i giorni da quasi sei mesi. Non importa.
Ieri gli ho chiesto come fosse possibile che non gli mancassi e lui mi ha risposto Non l'ho mai detto, mi manchi, si, ma non in quel modo. Ma quale modo? Okay lo so quale modo. Ma come?
Quale ingranaggio non ha funzionato per cui lui ora è la cosa più importante al mondo per me mentre io non gli sono assolutamente necessaria?
Eppure gli amici ce li ho, le cose belle mi succedono... ma perché non ha visto quanto potevamo stare bene se solo si fosse tolto dalla testa l'idea angosciante di relazione tra due persone di diverso sesso che ha?
Dice che in realtà nessuna l'ha mai amato, solo io, e allora non poteva illudermi come aveva sempre fatto con tutte.

No vabbè ma vaffanculo.


*Lo so che non esiste amare poco e amare tanto, come dice Benigni, non si è morti poco o morti tanto. Ma era per far capire che non sono mai stata così presa da nessuno.

7 commenti:

  1. Che domanda, la tua. Non sono ancora riuscita a dare una risposta a questo dolorosissimo quesito. E' che ti è morto il cuore, come dici tu, e forse quello che l'ha ucciso è anche quello che lo teneva in vita: forse solo lui, ora, può aiutarlo a riprendere il battito. Per questo, forse.

    (Quella di tumblr che ti cita.)

    RispondiElimina
  2. Sei coraggiosa. In generale è una cosa che ho sempre pensato,leggendo qui. (Anche chi cazzo se ne frega,dato quel che stai passando.Però forse se tu lo realizzassi,prima o poi,quando sarà passato il fottuto tempo che deve passare,riuscirai a mandare a cagare quello stronzo di cui ti sei innamorata e tirar dritto per la tua strada.Anche se adesso non sai quale sia.Anche se adesso vorresti essere la più grande cagasotto della storia,ma la più grande cagasotto della storia tra le sue braccia.Anche se.Anche se.Ecc.)

    RispondiElimina
  3. Siete carinissime, davvero, grazie mille per il conforto <3

    RispondiElimina
  4. Ciao Altrove, questo è uno dei blog che leggo più volentieri quando ho tempo. Mi dispiace per il casino che è successo con lui... è brutto non essere amati.

    mia mamma dice sempre Che dopo il brutto viene il Bello. Aspetta, vedrai che il tempo ti farà ritrovare il sorriso.

    RispondiElimina
  5. if winter comes, can spring be far behind?

    RispondiElimina
  6. a me è successa la stessa cosa mesi fa. poi strascichi. poi chiusura. poi riapertura bella e totale, ma che sotto sotto aveva le crepe di prima. e ora chiusura. io non lo so perchè Dante dicesse amor ch'a nullo amato amar perdona, credo sia una cazzata bella e buona.

    RispondiElimina
  7. ecco, rileggevo blog e post vecchi ed è sbucato fuori questo post. e oggi il post che ho scritto mi sa che dà un pò l'immagine di quello che succede, perchè succede anche a me.
    http://maripois.blogspot.com/2011/04/lego.html

    RispondiElimina